• culturainatto

GJON MILI – IL FOTOGRAFO DEL MOVIMENTO


ITA/ENG

di Aurora Licaj

Translation by the author

Cover: Gjon Mili with his cat Blackie, 1946



Gjon Mili fotografato da Leonard McCombe, 1948

Gjon Mili è stato uno tra i più importanti nomi d’arte della fotografia del XX secolo: egli fu in grado non solo di perfezionare tecniche rivoluzionarie nel campo grazie agli studi specialistici che caratterizzarono la sua formazione, ma anche di lasciare anche delle vere e proprie opere d’arte fotografiche, immortalando i movimenti di grandi personaggi a lui contemporanei tra artisti, musicisti e sportivi, ma anche momenti di rilevanza storica.


Nato nel 1904 a Coriza, in Albania, si trasferì con la famiglia in Romania all’età di cinque anni, per poi raggiungere a vent’anni gli Stati Uniti e studiare ingegneria elettrotecnica presso il Massachusetts Institute of Technology (MIT), laureandosi nel 1927. Sempre al MIT fu decisivo l’incontro tra Gjon Mili e Harold E. Edgerton, colui che trasformò lo stroboscopio da semplice strumento di laboratorio a dispositivo di uso comune.


Dr. Harold E. Edgerton nell'atto di scattare foto stroboscopiche di Joe Maniaci, asso dei Chicago Bears, mentre calcia un pallone

Lo stroboscopio è di per sé uno strumento semplice: può consistere in un disco con fori o fessure equidistanti posti nella linea di vista tra l'osservatore e l'oggetto in movimento, che ruota davanti a una lampada e attraverso il quale l'oggetto è illuminato a intermittenza. Se la rotazione del disco avviene con la stessa velocità con cui si muove l’oggetto da studiare, questo si vede dai fori come se fosse fermo (effetto stroboscopico). Nella sua versione elettronica lo stroboscopio è costituito da una lampada molto luminosa che lampeggia fino a un centinaio di volte al secondo. Quando la frequenza dei lampi coincide con quella del movimento dell’oggetto, questo si vede come fermo. È così possibile fotografare su una stessa lastra le sue diverse posizioni durante il moto.


Disco stroboscopico

Una luce stroboscopica lampeggiante ad una frequenza appropriata può far apparire come fermo o invertito un movimento ciclico. (fonte: Wikipedia)












Mili dunque, grazie a questa collaborazione, poté fare sua la tecnica e diventare pioniere nell'uso di flash stroboscopici per catturare una sequenza di azioni in una immagine fotografica, e nonostante fosse autodidatta in questo campo, riuscì ad essere uno dei primi, se non il primo, ad utilizzare il flash elettronico e la luce stroboscopica per creare fotografie non prettamente scientifiche. Grazie alla sua bravura fu assunto da una delle più importanti riviste fotografiche, LIFE, per cui lavorò dal 1939 fino alla sua morte, producendo centinaia di scatti.


Egli cercò di ricreare in studio opere d’arte come il celebre quadro di Marcel Duchamp: Nudo che scende le scale, del 1912, realizzata trenta anni dopo, nel 1942.


Nudo che scende le scale, 1949

Marcel Duchamp – Nudo che scende le scale n.2, 1912

In quanto lui stesso musicista sebbene amatoriale (suonava l’oboe), Mili ebbe un sincero apprezzamento per le arti dello spettacolo e nel corso degli anni fece una serie di fotografie di musicisti, ballerini, attori, registi tra cui Alfred Hitchcock, Gene Kelly, Billie Holiday il direttore d’orchestra Efrem Kurtz, il violinista Isaac Stern, il percussionista Gene Krupa, la mezzo-soprano Jennie Tourel, per citarne alcuni.


Gjon Mili - Alfred Hitchcock sul set di Shadow of a Doubt, 1942
Il ballerino e attore Gene Kelly in una sequenza di danza a esposizione multipla dal film Cover Girl, 1944
Gjon Mili - Billie Holiday, 1943
Isaac Stern suona il violino nello studio del fotografo Gjon Mili nel 1959
Il direttore d'orchestra russo Efrem Kurtz, 1945

Nel suo studio fotografò anche le azioni di diversi sportivi famosi nel suo intento di catturare e studiare movimenti impercettibili ad occhio nudo.


Giocatore di biliardo Willie Mosconi in azione, 1948
Gjon Mili - Campione di salto con la corda Gordon Hathaway in azione, 1947

Sarà il 1944 che consacrerà il vero genio di Mili, quando diede alla luce al primo capolavoro jazz-filmico della storia “Jammin’ the blues”, prodotto dal grande discografico Norman Granz. Fu un prototipo di reportage, precursore dell’attuale videoclip, che mise in scena i grandi rappresentanti del jazz, nell’attimo preciso del loro sforzo creativo.


Gjon Mili fuori dal suo ufficio nel lotto della Warner Bros. dove sta dirigendo il film, "Jammin' the Blues." (Foto di Gjon Mili/ The LIFE Picture Collection Meredith Corporation)
Il fotografo Gjon Mili mentre lavora con i tecnici del cinema sul set di "Jammin' the Blues", 1944
Copertina film

I musicisti non sono più rivolti verso un ipotetico pubblico, ma sono raccolti intorno a loro stessi, intorno alla musica che stanno creando. La macchina fotografica si “intrufola” in questa rete fatta di sguardi e intese, cercando di sorprenderla soffermandosi sui volti, sugli strumenti dei musicisti, il tutto in un’atmosfera quasi sognante, data dalla particolare fotografia: un bianco e nero che non ammette sfumature, che scolpisce i corpi, i profili e gli strumenti.


Qui il frammento iniziale dal film col famoso sassofonista Lester Young.


Lester Young con la ballerina Marie Bryant nel set del film

Tra gli artisti figurativi più influenti dell’epoca invece, Mili ebbe modo di incontrare Pablo Picasso nel 1949 a Vallauris, nel Sud della Francia. Le immagini realizzate assieme a Picasso sfruttano in modo sapiente l’uso combinato di luce continua per la traccia luminosa e la luce flash per congelare la figura del maestro ed illuminare l’ambiente circostante. Uno splendido esempio di creatività su tutti i fronti.






In quanto a documentazione storica, Gjon Mili fu inviato sempre per conto di LIFE a fotografare nel 1961 Adolf Eichmann, uno dei maggiori responsabili operativi dello sterminio degli ebrei nella Germania nazista, processato in Israele dopo la sua cattura e condannato a morte per genocidio e crimini contro l'umanità.


L’occhio del fotografo si insinua tra i momenti di quotidianità durante la sua detenzione, rappresentandoli con una quasi surreale intimità, in quella severa e semplice routine che caratterizzava le giornate di prigionia durate le quattordici settimane di processo prima dell’impiccagione.


(Fonte immagini: https://www.life.com/history/adolf-eichmann-in-israel-photos-nazi-war-criminal/ )


Stando seduto all'aperto, Eichmann aveva tutto il tempo per pensare e riflettere.

Eichmann mangiava da solo, ma controllato da fuori. La maggior parte delle guardie non parlava tedesco, e a tutti era proibito parlare con lui.
Il suo bagno quotidiano era una farsa, ma faceva parte della rigida routine della prigione.

Nel 1946 si trovava a Parigi per poter richiedere presso l’Ambasciata albanese un visto che gli avrebbe permesso di andare in Albania, ma gli venne rifiutato; nonostante ciò, si ritrovò nel momento giusto per fotografare il dittatore comunista albanese Enver Hoxha, durante un discorso tenuto alla Conferenza della Pace di Parigi in quell’anno, lasciando un’altra testimonianza importante di un evento e personaggio storico.


Gjon Mili - Foto di Enver Hoxha, Parigi, 1946

Si spense nel 1984 all'età di 79 anni a Stamford, nel Connecticut, a causa di una polmonite; nella città natale, è stato realizzato un museo, a lui dedicato, che raccoglie 240 immagini del fotografo.

È divertente ricordarlo con la placca nel suo studio di New York, che proclamava:


Alfred Eisenstaedt - Gjon Mili, 1981

“TUTTO IL MONDO È UNA FOTOCAMERA. APPARI PIACEVOLE, PER FAVORE."














 

GJON MILI – THE MOVEMENT PHOTOGRAPHER



Gjon Mili photographed by Leonard McCombe, 1948

Gjon Mili was one of the most important photography names of the twentieth century: he was not only able to refine revolutionary techniques in the field thanks to the specialized studies that characterized his training, but also to leave real photographic artworks, immortalizing the movements of great personalities of his time among artists, musicians and sportsmen, but also moments of historical significance.


Born in 1904 in Coriza, Albania, he moved with his family to Romania at the age of five, and then to the United States at the age of twenty where he studied electrical engineering at the Massachusetts Institute of Technology (MIT), graduating in 1927. Also at MIT, the meeting between Gjon Mili and Harold E. Edgerton, who transformed the stroboscope from a simple laboratory instrument into a device for common use, was decisive.


Dr. Harold E. Edgerton in the act of taking strobe pictures of Joe Maniaci, ace of the Chicago Bears, while kicking a ball

The stroboscope itself is a simple instrument: it may be a disc with equidistant holes or slits placed in the line of sight between the observer and the moving object, which rotates in front of a lamp and through which the object is intermittently illuminated. If the rotation of the disc occurs with the same speed with which the object to be studied moves, this can be seen from the holes as if it were stationary (stroboscopic effect). In its electronic version, the stroboscope consists of a very bright lamp that flashes up to a hundred times per second. When the frequency of the flashes coincides with that of the movement of the object, this is seen as stationary. It is thus possible to photograph its different positions during motion on the same plate.



Stroboscopic disc

A strobe light flashing at the proper period can appear to freeze or reverse cyclical motion. (Source: Wikipedia)












Mili therefore, thanks to this collaboration, was able to master this technique and become a pioneer in the use of stroboscopic flashes to capture a sequence of actions in a photographic image, and despite being self-taught in this field, he managed to be one of the first, if not the first, to use electronic flash and stroboscopic light to create non-scientific photographs. Thanks to his skill he was hired by one of the most important photographic magazines, LIFE, for which he worked from 1939 until his death, producing hundreds of shots.


He tried to recreate works of art in his studio such as the famous painting by Marcel Duchamp: Nude Descending a Staircase, from 1912, created thirty years later, in 1942.


Nude Descending a Staircase, 1949

Marcel Duchamp – Nude Descending a Staircase n.2, 1912

As an amateur musician himself (he played the oboe), Mili had a sincere appreciation for the performing arts and over the years made a series of photographs of musicians, dancers, actors, directors including Alfred Hitchcock, Gene Kelly, Billie Holiday the conductor Efrem Kurtz, the violinist Isaac Stern, the percussionist Gene Krupa, the mezzo-soprano Jennie Tourel, just to name a few.


Gjon Mili - Alfred Hitchcock on set of Shadow of a Doubt, 1942

Dancer and actor Gene Kelly in a multiple exposure dance sequence from the film Cover Girl, 1944

Gjon Mili - Billie Holiday, 1943

Isaac Stern plays violin in the studio of photographer Gjon Mili in 1959

The Russian conductor Efrem Kurtz, 1945